Sei in casa

Siamo in sei in casa, tutti maschi. Che poi quella di dividere i maschi e le femmine negli appartamenti mi pare una cattiva politica: nascerebbero più bambini, che verrebbero senz’altro portati nel parco.

Due degli inquilini all’inizio non si vedevano mai. Mi piaceva pensare che fosse come in quel film in cui ci sono quelli che fanno la radio da una nave, e all’improvviso trovano un altro componente del gruppo che non avevano mai visto perché faceva la trasmissione della mattina presto. In realtà sono semplicemente arrivati dopo.

La cosa però che volevo sottolineare è che in sei, con un solo bagno, non l’ho mai trovato occupato. Complici magari anche gli orari super-variabili di tutti, sarebbe però stato un problema trovarlo occupato di mattina. Volevo anche proporre una specie di foglio in cui ognuno avrebbe scritto i propri orari di lavoro, in modo da potersi regolare, ma forse era troppo.

Personalmente, ho deciso quindi di ridurre al minimo il tempo di utilizzo del bagno di mattina, ad esempio facendomi la doccia la sera. Probabilmente anche gli altri fanno così, e si è creato uno di quei meccanismi di altruismo-egoismo-altruismo. Ognuno rinuncia a una piccola comodità (farsi la doccia quando gli pare) per avere maggiori chance di poter avere anche per sé un piccolo vantaggio. Il punto decisivo è che a uno la mattina non gli serve molto il bagno, e non rischia di avere poi poco tempo per potersi fare anche la doccia, proprio perché l’ha già fatta. Altruismo-egoismo-altruismo, ha qualcosa a che fare anche con l’idea di fare le code. Da approfondire.

2 pensieri su “Sei in casa

  1. Zio Giorgio

    A proposito di egoismo, m’è capitato di sapere che in molti appartamenti da sei, il secondo bagno a disposizione dei fortunati che occupano la prima stanza a destra veniva volutamente occultato dagli occupanti stessi in modo tale da evitare che gli altri inquilini potessero avanzare pretese sull’altro bagno disponibile. Questa non è solidarité da cast-member! Ci torni st’Estate? Salut 🙂
    Giorgio

    Replica
    1. alfb Autore articolo

      C’è un secondo bagno negli appartamenti da sei?! Questo in effetti cambia tutta la questione del bagno mai occupato.

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *