Perse la kappa

Ci sono tante storie interessanti attorno ai cimiteri (uno potrebbe dire anche “sotto”). Qui siamo di fronte a un caso di emigrazione, e si deve ricorrere a un trucco ingegnoso per procurarsi una “k”, che evidentemente nel set di lettere standard dell’epoca non c’era.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *