Dal fare al dire / 3

Venendo al foglio elettronico di Google Docs, come detto è utilizzabile per qualsiasi lavoro o attività, ma ovviamente si lega meglio a quelle legate al computer, come la scrittura di articoli e simili. Questo perché ciascuna attività avrà poi a propria volta un foglio elettronico di gestione, sempre online.

In pratica, il foglio elettronico iniziale e generale serve da pannello di controllo totale di tutto (o quasi) quello che si fa. Ogni sito su cui si scrive avrà una linea, così come volendo anche ogni sport che si pratica, o hobby, come la lettura e altro. Probabilmente il criterio è inserire qui tutto ciò che si vuole fare con continuità, a prescindere dal fatto che sia un impegno obbligatorio o meno. E inoltre tutto ciò che si desidera inserire in un calcolo complessivo di ore settimanali, aspetti che si vedranno meglio in seguito ovviamente.

Tornando alla scelta del modello foglio elettronico, ovviamente esistono molte applicazioni online (e offline) che permettono la gestione di attività. Io personalmente scelgo il foglio elettronico perché, seppur sacrificando qualche funzione, la flessibilità è totale, essendo appunto un foglio bianco, che però si può arricchire con diversi automatismi, come colori che cambiano in automatico, riconoscimento delle date, possibilità di ordinare le colonne eccetera. Ogni riga e ogni colonna possono inoltre essere ciò che vogliamo, e questo permette infiniti livelli di personalizzazione. Vogliamo inventarci il parametro “qualità del lavoro”? Possiamo farlo, mentre invece sulle applicazioni abbiamo solo ciò che l’applicazione propone.

Proprio il tipo di attività è la prima colonna (A). In realtà questa è la meno importante, dal momento che è solo dichiarativa e non incide in alcun modo su nessun valore. I tipi di attività che io ho sono lavoro, progetti, generale e sport. La colonna B è invece il nome dell’attività. La colonna C è una sigla di quattro lettere che identifica quell’attività, anche in questo caso con poca rilevanza pratica, è un residuato di un vecchio sistema, che non utilizzo più, in cui queste sigle andavano ad inserirsi in tasselli che rappresentavano le ore della giornata. Questo blog ad esempio è (A) progetti / (B) alfb.net / (C) blog. Le colonne successive sono il vero e proprio sistema. Seguiranno esempi grafici.

Un pensiero su “Dal fare al dire / 3

  1. Pingback: alfb.net » Blog Archive » Dal fare al dire / 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *